Cinecittà si accampa contro la crisi

mani tenda

Cinecittà Bene Comune da sempre impegnata nella difesa dei bei comuni in primis dell’acqua pubblica ma anche protagonista delle lotte in difesa del posto di lavoro e dei diritti come è stato per i lavoratori di Almaviva e Cinecittà Studios  , ha deciso di partecipare alla settimana europea di mobilitazione contro le politiche di austerity dettate dalla BCE , dalla commissione europea e dai governi .

Per questo abbiamo deciso nei giorni 15-16 e 17 di aprire una tenda nella piazza più autorevole di  Cinecittà trasformandola in un luogo di aggregazione e di organizzazione delle lotte. Il programma delle attività e vasto e articolato,  si va dalla colazione all’ aperitivo  passando per picchetti antisfratto  ai volantinaggi di fronte i luoghi di lavoro in agitazione , alle assemblee e ai dibatti con ospiti ed esperti.

L’obiettivo è quello di cominciare un lavoro di raccolta informazioni sul territorio, di riflessione collettiva , di confronto aperto e leale finalizzato all’individuazione di una piattaforma comune di rivendicazioni o quanto meno di linee guida di un nuovo piano di rilancio economico e del lavoro del nostro territorio.

 Da subito vogliamo individuare quali sono le risorse produttive che vanno tutelate e valorizzate per un nuovo modello di sviluppo. Ci siamo resi conto che dove esistono licenziamenti spesso si nascondono manovre di finanziarizzazione, di privatizzazione e di speculazione edilizia. E il caso di Cinecittà Studios dove al posto dell’attività cinematografica vorrebbero costruire un centro commerciale, oppure l’ippodromo di Capanelle, sempre di proprietà pubblica, lo si lascia abbandonato al declino. Oppure il Policlinico Tor Vergata che via via perde la sua funzione di servizio per far posto alla grande ricerca farmacologica e di ingegneria, anche militare. Dall’altra parte assistiamo anche sul nostro territorio ad un proliferarsi di grandi quanto inutili opere . Dal raccordo bis,  al raddoppio della ferrovia Roma Formia-Cassino per il trasporto di sole merci. Alla centralità di Romanima con più di un milione di mq di cemento senza prevedere un progetto della mobilità serio. La costruzione iniziata e mai terminata della città dello sport di Calatrava , solo per citarne alcuni.

Di fronte a questo abbiamo deciso di accamparci e di discutere cercando di provare a capire dal basso le alternative possibili ad un futuro che per ora ci appare sempre più nero e triste.

Per questo abbiamo deciso di partecipare allo sciopero del 18 indetto dai sindacati di base e alla manifestazione del 19 e di cominciare a ragiunare all’organizzazione di uno sciopero di cittadinanza del municipio , così come abbiamo fatto l’anno scorso il 27 Settembre , attraversando via Tuscolana in migliaia di persone.

Invitiamo tutti alla partecipazione attiva e al confronto democratico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...